interior

"Conta il risultato, non l'impegno"

Sul Foglio d'informazione di Ribera AG è apparso questo articolo, dopo la presentazione del libro in Sala Consiliare, domenica 11 marzo 2012, alla presenza di oltre 100 persone.

 

NOVANTADUE16

Foglio serale d’informazione gratuito di Ribera e dintorni
Editore: Agrostampa srl - Direttore Responsabile: Filippo Cardinale
Anno I n. 6 - lunedì 12 marzo 2012 - Registrazione Tribunale di Sciacca n. 1/11 del 04/03/2011 - N. ROC 21175
Redazione: via Berlinguer, 36 - 92016 Ribera (AG) - tel/fax: 0925 544996 - email: novantadue016quotidiano@agrostampa.it
Dal lunedì al venerdì dalle ore 17,00 a Ribera presso tutte le edicole e le principali attività commerciali e culturali del Corso Umberto I

“La forza del gruppo” presentato a Ribera

“CONTA IL RISULTATO”

Vella: “Ribera è un posto meraviglioso, ma la sua situazione delinquenziale è tra le peggiori”

"Il capo è chi comanda e gli altri obbediscono; il leader è chi si mette in gioco. Capite bene che c'è una differenza importante". E ancora: "Si vince solo se i componenti del gruppo credono in quello che fanno". Sono due delle tante affermazioni che hanno fatto riflettere i presenti ieri pomeriggio dentro la Sala consiliare "L. Frenna". Le ha pronunciate il procuratore Salvatore Vella nel corso della presentazione del suo nuovo libro "La forza del gruppo - L'etica come chiave del successo", scritto a sei mani con Mauro Baricca e Demetrio Pisani (ieri assenti, perché non sono potuti giungere a Ribera a causa del maltempo, così come il capitano dell'Arma dei Carabinieri Carmelo Mirinnino).

Nel corso della presentazione, moderata dal giornalista Michele Ruvolo direttore della rivista Not Magazine, sono intervenuti il sindaco Carmelo Pace, il dott. Domenico Macaluso, Pellegrino Di Lucia (Presidente dell'Associazione "SOS Democrazia), il vice presidente del Lions Club Ribera Onofrio Tulone e il presidente del Rotary Club di Ribera Maria Frandanisa Barbieri. Ma l'attenzione, chiaramente, era tutta per lui, per Salvatore Vella, così garbato e chiaro nell'esporre le sue idee da trasformare la presentazione ufficiale di un libro quasi in una chiacchierata tra amici.

"La forza del gruppo - ha aggiunto - è importante, perché un gruppo può influenzare un territorio e un territorio può influenzare una nazione, così come importante è l'etica, perché solo se abbiamo le "carte a posto" possiamo battere i pugni sul tavolo". Poi ancora: "Il benessere si coniuga con il rispetto delle regole e il rispetto delle persone e lo sviluppo deve coincidere con il rispetto delle regole, perché solo così potremo vivere meglio".

Poi svela un retroscena che riporta i pensieri a tanti mesi fa. "L'omicidio della signora Galati avvenuto a Ribera è citato nel libro, perché fu un'indagine che sancì il mio legame con la Tenenza di Ribera. Di una Ribera che secondo me è un posto meraviglioso, anche se devo ammettere che purtroppo la situazione delinquenziale che si registra qui è tra le peggiori del nostro territorio".

Infine, un appello: "Quello che conta è il risultato, non conta l'impegno. Noi dobbiamo diventare uomini di risultati e non di impegno".